Gestione dei crediti aziendali

La gestione e il recupero del credito sono due aspetti cruciali nel contesto delle attività aziendali, a prescindere dalle dimensioni dell’azienda stessa. Onde evitare trattamenti inefficaci del recupero crediti aziendali, che rischiano tra l'altro di causare ulteriori costi con l’aggravio sul bilancio di partite contabili inesigibili, è bene rivolgersi a professionisti nel settore del recupero e della gestione dei crediti aziendali.

Le aziende situate a Milano e provincia possono contare sul supporto professionale dello Studio Legale Lunari di Milano, attivo con successo nel settore del recupero crediti e della gestione dei crediti aziendali, oltre che nel più ampio campo del diritto civile e penale, della responsabilità contrattuale ed extracontrattuale, del risarcimento del danno a cose o persone in conseguenza di sinistri stradali, infortuni interni o esterni, infortuni sul lavoro, responsabilità del medico e dell'ospedale, tutela del consumatore e applicabilità del diritto al rimborso per garanzia legale, per danno da vacanza rovinata o acquisti non andati a buon fine.

L'Avvocato Dott.ssa Lunari, nel nuovo studio di Via Sauli 26 (vicinanze Stazione Centrale – metro Pasteur) accoglie richieste di privati, aziende e professionisti e li affianca nelle complesse procedure legali di recupero crediti e gestione del credito aziendale.

La gestione e tutela del credito aziendale è un argomento di importanza strategica anche per le sue ricadute sull'operatività e sul bilancio aziendale, oltre che sul rendimento del capitale investito, specie in considerazione del fatto che in Italia le dilazioni medie di pagamento e i ritardi medi tendono ad essere superiori che nel resto dell'Unione Europea.

Se è pur vero che dilazionare maggiormente il credito può attirare nuovi clienti, grazie alla possibilità di pagamenti più flessibili, tuttavia ciò ha notevoli ripercussioni in ambito aziendale, causando un notevole aumento dei costi.

La concessione di credito aziendale genera infatti un rischio di credito legato al rischio di insolvenza e al rischio di ritardato pagamento, che a loro volta generano ulteriori costi per la gestione e il recupero del credito aziendali legati alla dilazione di pagamento.

Quando si prendono in considerazione i rischi e costi derivanti dalla concessione di credito, appare evidente l'importanza strategica di una gestione accurata del credito, effettuata in modo professionale e oculato, anche ricorrendo, qualora se ne presentasse l'esigenza, a professionisti del settore, come lo Studio Legale Lunari di Milano, specializzato in procedure legali per il recupero del credito e la gestione del credito aziendale.

All'azienda, dunque, conviene utilizzare la leva del credito fintantoché il reddito netto derivante dalle vendite aumentate in conseguenza della concessione del credito non venga eroso dai costi.

Ciò può essere determinato tramite una accurata analisi del credito aziendale in termini di incidenza degli insoluti e dei ritardi di fatturato, durata media dei crediti, etc.; tramite verifica della congruità dei diversi settori aziendali con i loro obiettivi e incentivi rispetto alle politiche di tutela del credito; infine, tramite una gestione del credito centralizzata e anticipata, che si basi sull'uso integrato di più strumenti idonei a ottenere la riscossione del credito aziendale.

Per tutti questi motivi spesso è necessario affidarsi a professionisti nella gestione del credito aziendale, in grado di effettuare una analisi interna differenziata per settori e obiettivi dell'azienda, mettendo al riparo il bilancio aziendale da pericolosi scoperti. In quest'ottica opera lo Studio Legale Lunari di Milano, che attua politiche di gestione del credito aziendale e di riscossione del credito in linea con quanto previsto dalla legislazione in materia, al fine di minimizzare le perdite e massimizzare i profitti dell'azienda, anche tramite la riscossione del proprio credito.

Lo Studio Legale Lunari offre la propria consulenza e i propri servigi in materia di riscossione e gestione del credito a privati, aziende e professionisti di Milano e provincia. Con la sua nuova sede in via Sauli 26 (vicinanze Stazione Centrale – Viale Zara, metro Pasteur), l'Avvocato Dott.ssa Lunari è un valido sostegno per la riscossione dei crediti insoluti da privati o aziende.

Recupero crediti con procedura legale

La legge mette a disposizione diverse procedure per il recupero crediti, alcune anche cumulabili o utilizzabili consecutivamente l'una all'altra, nel caso la precedente non sortisca l'effetto sperato. Vediamo brevemente in che cosa consistono e quali attori coinvolgono tali procedure per il recupero dei crediti insoluti:

  • messa in mora del debitore: generalmente precede l'azione giudiziaria, e si sostanzia in un invito scritto al pagamento, dal quale scaturiscono effetti legali. La costituzione in mora del debitore viene comunemente inoltrata a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento, per poter provare la data di ricevimento. Tuttavia, non si può ricorrere a messa in mora (ex art. 1219 c.c.) se:

1) l'obbligazione deriva da fatto illecito;

2) il debitore dichiara per iscritto di non voler adempiere;

3) l'obbligazione è a termine e la prestazione (o il pagamento) deve essere eseguita al domicilio del creditore.

Dalla costituzione in mora del debitore, scaturiscono effetti a beneficio del creditor:

1) l'inizio della decorrenza degli interessi moratori (a partire dalla data di ricevimento della raccomandata con la richiesta di pagamento), nella misura dell'interesse legale, se non pattuiti diversamente;

2) l'interruzione del termine di prescrizione (art. 2943 c.c.);

3) l'obbligo in capo al debitore di risarcire l'eventuale danno;

4) la c.d. perpetuatio obligationis, ossia il passaggio del rischio che la prestazione divenga impossibile in capo al debitore.

 

  • azione di recupero mediante precetto di pagamento: possibile quando il credito sia incorporato in un titolo di credito (cambiale o assegno bancario).
  • ricorso per decreto ingiuntivo: ordine di pagamento o consegna intimato al debitore dal Giudice mediante decreto, che può anche divenire esecutivo, garantendo in tal modo al creditore la possibilità di agire immediatamente e coattivamente per il recupero. Il decreto ingiuntivo specifica inoltre il termine previsto dal Giudice perché il debitore adempie all'obbligazione assunta (che si tratti del pagamento di una somma o della consegna di una determinata cosa mobile), che normalmente corrisponde a 40 giorni.

Il decreto ingiuntivo, emesso su richiesta del creditore e disciplinato dagli articoli 633 e ss. del c.p.c., è più celere e meno oneroso di un procedimento giudiziario ordinario. Tuttavia non è sempre possibile: per poter ricorrere al procedimento per decreto ingiuntivo è infatti necessario:

1) che il credito consista nella consegna di una somma determinata di denaro o di una quantità determinata di cose fungibili, oppure nella consegna di una cosa mobile determinata;

2) che il credito sia provato da prova scritta, e più precisamente (art. 634 c.c.) da:

  • polizze e promesse unilaterali per scrittura privata;
  • telegrammi;
  • estratti autentici delle scritture contabili;
  • in alcuni casi, fatture commerciali.

Su istanza del ricorrente, il decreto ingiuntivo può anche essere dichiarato immediatamente esecutivo, in tal modo eliminando l'attesa dei 40 giorni per accertare se il debitore ha intenzione di pagare o di opporsi (art. 642 c.p.c.). Tale richiesta, tuttavia, può essere accolta solo se il credito è fondato su assegno bancario, assegno circolare, cambiale, certificato di liquidazione di borsa, atto ricevuto da notaio o altro pubblico ufficiale autorizzato o in altri casi più specifici.

  • ricorso a procedimento ordinario: ultimo passo nel caso i precedenti siano stati infruttuosi, permette di accertare l'esistenza e la consistenza del credito; la sentenza finale può condannare il debitore all'adempimento.
Come tutelarsi da possibili insolvenze future: le clausole contrattuali

Al fine di aumentare le probabilità che il credito venga onorato, è consigliabile inserire specifiche clausole all'atto della stipula di un contratto, in ambito aziendale ma anche tra privati (ad es. in caso di contratti di locazione).

Quali clausole inserire in un contratto per garantire l'adempimento dell'accordo, o permettere un più facile e pronto risarcimento in caso di danno? Le clausole grazie alle quali la legge consente la tutela del credito sono la caparra (con funzione penitenzile o confirmatoria), le clausole penali (con funzione di determinazione anticipata del valore del danno in caso di inadempimento) o specifiche garanzie come il pegno (su beni mobili) e l'ipoteca (su beni immobili o diritti immobiliari, senza trasferimento del possesso). A titolo di garanzia personale le principali garanzie che possono essere richieste in fase di stipula del contratto sono, ad esempio, la fidejussione e la garanzia a prima richiesta.

Si sottolinea, ovviamente, che per la stipula di un contratto tra privati, aziende o professionisti, è sempre consigliabile fare riferimento a un giurista esperto in materia e dall’esperienza comprovata. A Milano, in particolare, è attivo lo Studio Legale Lunari, che può essere raggiunto con facilità da Milano città e dalla provincia, grazie alla sua ubicazione comodamente raggiungibile con mezzi propri (con la circonvallazione esterna, da via Palmanova o Via Enrico Fermi, oppure da Viale Monza, Viale Zara – Fulvio Testi) o pubblici (metropolitana milanese linea M1 fermata Pasteur)